Il bouquet della sposa

Il bouquet della sposa è un dettaglio molto importante, in quanto affianca la sposa per tutto il giorno delle nozze ed è sotto gli occhi di tutti mentre cammina verso l’altare. Per questo il bouquet deve essere in perfetta sintonia con l’abito, (fate quindi attenzione ai toni di bianco che si mescolano), e alla fisicità della sposa: per una ragazza alta è indicato un bouquet cadente, mentre ad una ragazza minuta dona di più un mazzolino contenuto.

Con i fiori ci si può veramente sbizzarrire: dall’Olanda arrivano di ogni specie in ogni stagione. Si può optare per uno coloratissimo e sbarazzino, per quello mono-fiore, magari tutto di peonie eleganti e delicatissime;oppure per una composizione di fiori di campo ed erbe aromatiche. Siete particolarmente superstiziose? Allora potete optare per un bouquet di peperoncini rossi! La scelta è davvero infinita…

Passiamo ora alla forma. Le forme sono fondamentalmente cinque:

TONDO: composto da fiori piccoli, si adatta ad abiti molto ampi e vaporosi e ad abiti corti.

CADENTE: assemblato con fiori a grappolo di forma allungata, è un bouquet piuttosto pesante. Si addice maggiormrnte agli abiti sobrii, inquanto crea volume sul davanti. Bellissimi sono quelli di orchidee.

A FASCIO: è composto da tulipani, calle e altri fiori dal gambo lungo, ed è molto adatto ad abiti lineari e semplici. Piace molto alle spose “minimal chic”, in quanto sobrio ed elegante.

A SFERA: questo bouquet piace molto alle spose “giovani”; è composto generalmente da rose , da peonie o da tulipani.

A BORSETTA: è un’alternativa adatta a chi non ama l’idea di camminare con un mazzo di fiori tra le Á

BIJOUX: importato dall’Inghilterra, questo particolare bouquet è nato per accontentare chi non amano i fiori. È composto da tanti bijoux luccicanti, per questo è adatto a spose particolarmente trendy e non convenzionali.

A VENTAGLIO: con i fiori si può fare proprio tutto, anche creare un ventaglio. Questo bouquet è adatto a spose originali e un po’ vanitose.

Bouquet di peonie

Bouquet di peonie

Negli ultimi anni è di gran moda fasciare i gambi del bouquet con dei nastri di raso o di altri tessuti, e abbellirli con delle spille o con altre applicazioni in tema con l’evento.

CURIOSITÁ

Secondo la tradizione è lo sposo a dover scegliere il bouquet della futura consorte e per poi donarglielo sul sagrato della Chiesa, in quanto rappresenta l’ultimo dono che il fidanzato fa alla fidanzata Oggi le spose preferiscono sceglierlo personalmente, per abbinarlo all’abito.

Nell’Antica Grecia il bouquet era composto da fiori di mirto, in quanto sacri a Venere. Essi rappresentavano l’amore, per questo vennero adottati anche dai popoli germanici come simbolo del matrimonio. Gli arabi invece hanno tramandato a noi l’usanza dei fiori d’arancio ( oggi quasi in disuso), che simboleggiavano purezza e fertilità.

William Shakespeare narrava che in epoca elisabettiana gli inglesi, per festeggiare le nozze, raccoglievano mazzetti di rosmarino, simbolo di fedeltà e ricordo.

IL LANCIO

Il lancio del bouquet è un gesto beneaugurante. La sposa dopo il taglio della torta, deve riunire tutte le ragazze nubili in età da marito e lanciare il bouquet (posizionata di spalle) verso il gruppo.

Secondo la tradizione colei che lo afferra si sposerà entro l’anno.

È vietato lanciare un bouquet di riserva fatto apposta per l’occasione, conservando quello ufficiale, ormai alla sposa non servirà più!

3

Bouquet di fiori di campo

Bouquet mono fiore moderno

Bouquet mono fiore moderno

Bouquet sferico da portare al polso

Bouquet sferico da portare al polso

Bouquet ventaglio

Bouquet ventaglio

Bouquet a borsetta

Bouquet a borsetta

Bouquet di rose e peperoncini

Bouquet di rose e peperoncini

Bouquet di bijoux

Bouquet di bijoux

Bouquet di bottoni

Bouquet di bottoni

Bouquet a fascio

Bouquet a fascio